News

Opensipaday, sono aperte le iscrizioni all'evento del 22.9.2015

22 Settembre, 2015 a Milano

PA e ICT verso quale futuro?

Il tema di quest'anno dell'Opensipaday è "PA e ICT, verso quale futuro?​".

Le numerose nuove norme impattano infatti sul futuro digitale della nazione in modo così sostanziale che è necessario, da ogni parte, far fronte comune affinchè gli ambiziosi obiettivi fissati possano essere raggiunti con successo.

l'evento è riservato ai dipendenti delle PA iscritti alla community di Opensipa.

Il modulo di registrazione dell'evento è pubblicato sul forum della community forum.opensipa.it.

Per ulteriori informazioni è possibile inviare una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Relatori

Leandro Gelasi
Responsabile Settore Conduzione del Servizio per la Gestione del Centro Unico Servizi Corte dei Conti

Luca Bechelli
Freelance ICT Security Consultant - Direttivo e Comitato Tecnico Scientifico CLUSIT

Maurizio Napolitano
Tecnologo presso FBK - Fondazione Bruno Kessler di Trento per il Centro per l'Information Technology

 

Programma

  • 09:00 - 09:30 Registrazione partecipanti
  • 09:30 - 09:45 Messaggio di benvenuto - Alessandro Carloni, presidente OpenSIPA
  • 09:45 - 10:45 Il fenomeno della comunità OpenSIPA - Direttivo di OpenSIPA
  • 10:45 - 11:45 Opendata e Pubblica Amministrazione - Maurizio Napolitano
  • 11:45 - 12:00 Coffee break
  • 12:00 - 13:00 SPID futuro ed opportunità - Luca Bechelli
  • 13:00 - 14:30 Pausa Pranzo
  • 14:30 - 15:30 ICT della PA e best practice organizzative - Leandro Gelasi
  • 15:30 - 16:30 Tavola rotonda tra i CED

 

LOCATION

Lombardia Informatica
Via Torquato Taramelli, 26 - 20124 Milano MI

 

Come arrivare

Metropolitana M3 (gialla) e M5 (lilla): fermata Zara

Autobus urbani: 60, 90, 91, 92

 

Tram urbani: 7, 31, 33

 

Innovazione. Di tutti. Per tutti.

il 26 ottobre 2013, dalle 9.00 alle 18.00, nella Sala Conferenze della Provincia di Viterbo avrà luogo la tredicesima edizione del Linux Day, la principale manifestazione di promozione di GNU/Linux e del software libero in Italia. Il tema di quest'anno è l'innovazione, di tutti per tutti.

Il Linux Day è organizzato dai LUG (Linux User Group) italiani e consiste in un insieme di eventi contemporanei, organizzati in diverse città italiane. L'edizione di Viterbo - gestita dall'Associazione TuLUG (Tuscia Lunux User Group) - quest'anno ha il patrocinio della Provincia e del Coordinamento territoriale per l'amministrazione digitale della provincia di Viterbo.

Nell'arco dellMouse glove realizzato con Arduinoa giornata saranno presentati alcuni progetti di innovazione degli enti per i cittadini e le imprese ed alcune realizzani sviluppate utilizzando la paittaforma open-hardware Arduino.

Sarà presentata una distribuzione Linux realizzata da uno studente di  dell'ITSST di Viterbo e sarà illustrato il progetto Ninux, che ha lo scopo di realizzare in Italia delle reti wireless libere - senza scopo di lucro e nel rispetto della filosofia open source - per la condivisione dei saperi e la sperimentazione di nuove tecnologie.

Si parlerà, inoltre, di software libero e di sicurezza informatica. Il software libero offre vantaggi anche in termini di contenimento della spesa, di sicurezza, di privacy e di investimenti a livello locale. La migrazione al Free software rappresenta anche un’opportunità di taglio della spesa pubblica. Sulla scorta delle esperienze della Provincia di Perugia e della Provincia di Macerata, e delle stime della Provincia di Bolzano, la migrazione al software libero offre un’opportunità di risparmio che si può stimare in una cifra compresa tra 100 e 200 euro per postazione di lavoro. Sugli oltre tre milioni di dipendenti pubblici, si può prevedere una riduzione della spesa compresa tra i 300 e i 600 milioni di euro.

Sul tema della sicurezza, nel pomeriggio è previsto un gioco dove i partecipanti si potranno cimentare nella simulazione di un attacco alle rete internet.

tutti i dettagli sul sito www.tulug.it

Come creare, gestire e conservare il documento digitale nella PA

“Tre incontri e un progetto”

Come creare, gestire e conservare il documento digitale nella PA:
le Regioni “agiscono” l’Agenda Digitale

Roma 11 luglio 2013
9.30–17.30

Centro Congressi Roma Eventi Trevi
Piazza della Pilotta, 4

 

9 regioni, 1 provincia autonoma e il Cisis presenteranno a Roma il sistema di dematerializzazione realizzato con ProDe (Progetto Dematerializzazione).

Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo, Campania, Puglia, Sicilia e la Provincia Autonoma di Trento hanno definito un modello di sistema di de-materializzazione modulare e interoperabile completo di:

  • specifiche tecniche dei moduli di gestione e conservazione documentale
  • specifiche tecniche dei processi di dematerializzazione regionali
  • specifiche tecniche delle interfacce fra tutti i moduli del sistema
  • glossario e definizioni
  • normativa e standard

La giornata è indirizzata a operatori provenienti dalla Pubblica Amministrazione Centrale e Locale, dalle ASL/AO e dalle Imprese.

Tutta la documentazione del progetto ProDe è digitale e scaricabile dal sito www.progettoprode.it.

Per saperne di più CLICCA QUI

 

Il coordinamento territoriale per l'amministrazione digitale

Lunedì 8 novembre sarà firmato il protocollo di intesa fra gli enti che hanno aderito al Coordinamento territoriale per l'amministrazione digitale della provincia di Viterbo.

I rappresentanti della Prefettura, della Provincia, del Comune, della Camera di Commercio e dell’Università della Tuscia si incontreranno per la firma alle ore 11 in Prefettura.

Con il Coordinamento territoriale per l'amministrazione digitale si intende sostenere lo sviluppo di un progetto di cooperazione tra le Pubbliche Amministrazioni della provincia di Viterbo finalizzato all'applicazione del Codice dell’Amministrazione Digitale.

Leggi tutto...

Coordinamento Territoriale per l’Amministrazione Digitale - Firmato il Protocollo

firma

Oggi, presso la sala Coronas,è stato firmato il protocollo d’intesa per la costituzione del “Coordinamento Territoriale per l’Amministrazione Digitale della Provincia di Viterbo”, obiettivo che la Prefettura aveva inserito nel documento programmatico, presentato nell’ambito della Conferenza Permanente,  per l’anno 2010.

Un’iniziativa promossa dal Prefetto Aronica e condivisa dalla Provincia, dal Comune di Viterbo, dalla Camera di Commercio e dall’Università della Tuscia.

Leggi tutto...

Gli indirizzi PEC degli uffici pubblici della provincia di Viterbo

La posta elettronica o e-mail (acronimo di Electronic Mail) è ormai lo strumento di comunicazione elettronica più utilizzato per lo scambio di comunicazioni in forma scritta tramite Internet. I messaggi di posta elettronica possono includere testo, immagini, audio, video o qualsiasi tipo di file; il loro principale vantaggio è l'immediatezza e la facilità d' uso.

Esistono due tipi di caselle di posta elettronica:  - La Posta Elettronica Ordinaria (P.E.O.): è quella attualmente più diffusa ed utilizzata. Non garantisce però nè l'invio nè la consegna del documento elettronico trasmesso tramite essa e quindi non può offrire le garanzie delle raccomandate postali con ricevuta di ritorno.  - La Posta Elettronica Certificata (P.E.C.) è un sistema di posta elettronica nel quale è fornita al mittente documentazione elettronica, con valenza legale, attestante l'invio e la consegna di documenti informatici.

Leggi tutto...